Carte di credito

Cenni generali
Esistono nel mercato molteplici tipi di carte di credito, practitioner
oramai ottimo strumento per fare acquisti sia sulla rete web che nei negozi tradizionali. Valido strumento finaziario per chi ama viaggiare e non desidera portare a seguito ingenti somme di denaro liquido.
La carta di credito inteso come strumento di pagamento è costituita in genere da una banda magnetica ove sono registrati i dati identificativi del titolare e della istituto emittente. Data la constata non sicurezza dei dati memorizzati nella banda magnetica e vista anche la sua scarsa capacità di memoria , patient
nel 1993 è stato introdotto l’applicazione nella carta di credito di un microchip. Il microchip permette a differenza della sola banda magnetica, valeologist
oltre ad avere un sistema di sicurezza molto più elevato estende la funzionalità della stessa permettendo di sfruttarla contemporanemanete con più servizi , pertanto acquista la denominazione di smart-card “multi-applicazione”.
Utilizzo della Carta di cedito

 Nella fattispecie nell’utilizzo delle carte di credito intervengono tre soggetti:

1)istituto emittente: in genere una banca o una socià finanziaria, che attraverso un contratto di finanziamento con il proprio cliente (che spende attraverso l’utilizzo della carta) stabilisce le modalità e termini per l’utilizzo della stessa.

2)L’esercizio commerciale: che permette l’utilizzo della carta da parte del possessore della carta di credito. Il titolare dell’esercizio commerciale aderendo ad un circuito internazioale permette alla propia clientela di spendere in questo modo senza l’utilizzo di denaro contante.

3) Circuito di pagamento: è l’azienda che permette attraverso la propia rete di veicolare tutte le transazioni che avvengono negli esercizi commerciali. La rete in genere è capillarmente distribuita mediante l’installazione dei cosidetti POS. I maggiori circuiti internazionale sono Visa, Mastercard, American Express e la giapponese JBC e la cinese CUP

Principali tipologie di carte di credito sono:

• Carta di credito bancaria o Bancomat: rappresenta la tradizionale carta bancomat che emessa dall’ istituto finanziatore durante l’apertura di un conto corrente permette l’acquisto dei beni da parte dell’utilizzatore che si vede e addebitare l’ammontare della spesa, sul proprio conto corrente.

• Carta di credito revolving: rappresenta la carta di pagamento che permette di rateizzare il costo complessivo della spesa; dato che si tratta di un vero e proprio finanziamento vengono in genere applicati degli interessi sull’importo finanziato.

• Carta di credito co-branded: rappresenta la carta di pagamento che viene emessa dall’istituiton in collaborazione con una terza azienda che agevola l’utilizzo della carta di pagamento attraverso la propria clientela fidealizzandola offrendogli inoltre servizi vantaggiosi. Il funzionamento è identico di una carta di credito bancaria bancomat o revolving;

• Carta di credito prepagata: molto apprezzata tra i giovani , è una carta che viene ricaricata dal titolare, in genere la somma massima ricaricabile non supera i 2000 euro. Per ottenere una carta ricaricabile non è necessario essere titolare di un conto corrente, e visto questa sua pecurialità viene utilizzata di frequente nelle transazioni via internet ove un eventuale clonazione permetterebbe di sottrarre solo l’importo caricato nella stessa carta.